Il progetto "Cuore di pietra" tra i luoghi del contemporaneo del MIBACT

07 Luglio 2020

Cuore di pietra è un progetto d’arte pubblica ideato nel 2004 dall’artista Mili Romano per accompagnare la riqualificazione urbanistica del centro di Pianoro. Alla traumatica trasformazione della fisionomia urbana, operata attraverso la demolizione di molti edifici, l’associazione culturale Cuore di Pietra ha risposto con una serie di interventi d’arte contemporanea fondati su un approccio site specific e partecipativo. Nel corso di 14 edizioni, diversi artisti sono stati invitati a interpretare lo spazio pubblico come un “catalizzatore di storie e narrazioni”, realizzando installazioni, murales, performance e video in dialogo con la città e con una prospettiva interdisciplinare. Il  progetto  “Cuore di pietra”, è ora presente, con alcune delle sue opere, nella sezione dedicata all’”Arte negli spazi pubblici” della piattaforma on line “Luoghi del Contemporaneo”, promossa dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del MIBACT (Ministero dei Beni Culturali) in collaborazione con l’Associazione culturale “Isole”. E’ la prima volta che viene realizzata istituzionalmente una selezione insieme a  una mappatura dei progetti e delle opere di arte pubblica ritenuti più interessanti a livello nazionale, con l’intento di fornire una panoramica generale della varietà e dell’importanza del patrimonio creativo e della sua distribuzione.

Le opere di “Cuore di pietra” presenti nella mappatura sono:
Andreco, Wall painting, portico fra via Libertà e Piazza dei Martiri
Andreco, Una celata Resistenza ontologica (opera dedicata alla Resistenza e al tema del lavoro, parete esterna Biblioteca Silvio Mucini)
MP5, con studio Sciatto Produzie, City_Look_at_City, Cortile condominiale di viale Esperanto
Anna Ferraro, Segnali di vita, segnaletica stradale in vari luoghi del paese
Mili Romano con Studio Ciorra, Passaggio di Luce, Parco della Pace
Mili Romano, Servabo, tavolo-panca, giardino esterno Biblioteca Silvio Mucini

La pagina dedicata a “Cuore di pietra” nella piattaforma online “I luoghi del contemporaneo”