L'Emilia-Romagna per l'arte contemporanea: Paolo Bufalini

21 Gennaio 2021

Paolo Bufalini è uno degli artisti selezionati tramite un bando regionale lanciato lo scorso autunno dall’Assessorato alla cultura e paesaggio.
La giuria composta dalla vicedirettrice artistica di Arte Fiera, Gloria Bartoli; da Walter Guadagnini, direttore di Camera-Centro Italiano per la Fotografia di Torino e direttore artistico di Fotografia Europea, e da Marco Pierini, direttore della Galleria nazionale dell’Umbria e Direzione Regionale Musei Umbria – ha premiato 36 artisti (o collettivi di artisti) su un totale di 211 candidature valutate. Queste andranno a incrementare la collezione d’arte di proprietà della Regione e saranno disponibili con esposizioni in spazi aperti al pubblico nelle sedi regionali o in altre istituzioni pubbliche.
Paolo Bufalini è nato a Roma (1994). Vive e lavora a Bologna. Tra il 2016 e il 2019 ha gestito TRIPLA, spazio espositivo no-profit da lui fondato assieme a Filippo Cecconi. Attualmente condivide lo studio con altri 12 artisti nell’ambito del progetto Nuovo Forno del Pane (MAMbo, Bologna).
Due le opere presentate:
1) Mail (II) è stata realizzata 2020 nell’ambito del progetto Nuovo Forno del Pane del MAMbo.
“L’opera – dichiara l’artista – è costituita da un telaio di metallo a forma di bustina delle lettere stilizzata, rivestito di pelle di serpente. Già utilizzato in passato, il serpente è per me una delle evocazioni più tangibili dell’alieno inteso come minaccia, e più in generale un elemento di cui mi interessa il portato simbolico – dalla tradizione biblica all’eterno ritorno. Ciò che mi interessa qui è la formalizzazione del messaggio non come contenuto verbale, ma come mera percezione di una minaccia, a un tempo indefinita e fatale.”
2) Proposal è stata realizzata anche’essa nel 2020 nell’ambito del progetto Nuovo Forno del Pane.
“L’opera è composta da due cuscini, ciascuno dei quali ha all’interno un meccanismo motorizzato in stampa 3d, alimentato tramite powerbank. Il movimento dei due cuscini, sincronizzato tramite schede xbee, simula un respiro, lento e silenzioso. L’idea dell’opera consiste appunto nel trasferire il ritmo del sonno dal corpo all’oggetto, e nel mettere in scena una ripetizione idealmente infinita, armonica e al tempo stesso aliena nella sua innaturale perfezione.”

 

Video

Intervista a Paolo Bufalini

Paolo Bufalini è nato a Roma (1994). Vive e lavora a Bologna. Tra il 2016 e il 2019 ha gestito TRIPLA, spazio espositivo no-profit da lui fondato assieme a Filippo Cecconi. Attualmente condivide lo studio con altri 12 artisti nell'ambito del progetto Nuovo Forno del Pane