L'Emilia-Romagna per l'arte contemporanea: Adelaide Cioni

14 Giugno 2021

Adelaide Cioni è un’artista bolognese che vive in Umbria da alcuni anni e lavora principalmente con disegno e pittura. Nonostante già da bambina avesse colto l’importanza e le potenzialità di un semplice disegno, studia al liceo classico e si laurea in storia contemporanea. Un paio di esperienze all’estero sembrano indirizzarla verso l’arte, ma prima di intraprendere questo percorso farà la traduttrice per una decina d’anni, traducendo autori come John Cheever e David Foster Wallace.

In seguito frequenterà l’Accademia che l’avvierà alla carriera artistica. Una delle caratteristiche delle sue opere è quella di essere realizzate utilizzando tessuti e stoffe, rivolgendosi quindi a un esperienza estetica che non è solo visiva, ma multi-sensoriale. Dal momento che la percezione avviene attraverso i sensi prima che attraverso il pensiero, questo modo di comunicare fa sì che chi guarda sia coinvolto in maniera più profonda.

L’opera selezionata per entrare a far parte del patrimonio della Regione Emilia-Romagna si chiama Green Alga e fa parte della serie Ab Ovo, che si concentra sui motivi decorativi che esistono e ricorrono nella nostra cultura visiva dalla preistoria a oggi, motivi che sono anche uno sguardo verso la possibilità dell’infinito implicita nella natura. L’opera è costituita da un panno di lana tessuto a mano su tela: in questo modo il colore è più intenso.

L’aspetto affascinante di tali motivi è che si ritrovano in culture e regioni del mondo fra loro distantissime, nel tempo e nello spazio, e agiscono come una sorta di codice non-verbale, un codice visivo che ci accomuna tutti in quanto esseri umani. Sono un’immagine, una prova evidente dell’esistenza di una comunità umana che condivide appunto questi codici, da Matisse ai vasellami preistorici, dal Rinascimento alle decorazioni tradizionali haiwaiane. I motivi decorativi consentono poi all’artista di confrontarsi con la natura e di imitare il suo modo di replicarsi.

Per esempio le foglie su un albero sono tutte diverse, pur avendo le medesime caratteristiche: cioè i singoli moduli mantengono identiche caratteristiche funzionali pur conservando tratti individuali unici.

 

 

Video

Intervista ad Adelaide Cioni