Carlo Gajani (1929-2009): in mostra i 40 anni di carriera dell'artista

08 Ottobre 2020

La Fondazione Carlo Gajani, presieduta da Angela Zanotti Gajani e dal Liceo artistico Francesco Arcangeli di Bologna, presenta una retrospettiva di Carlo Gajani negli spazi del Centro Studi della Didattica delle Arti di Bologna. Curata da Renato Barilli  coadiuvato da Piero Casadei e Luca Monaco per la fotografia e Giuseppe Virelli per la pittura,  la mostra sarà visitabile dall’8 ottobre al 6 novembre.

Nato a Bazzano l’11 gennaio 1929, Carlo Gajani si laurea in medicina nel 1953 e pratica la professione medica di pari passo con attività artistiche. Solo alla fine degli anni ’60 diventa artista a tempo pieno: viene invitato a partecipare alla Biennale di Venezia nel 1964, poi di nuovo nel 1972,nell’anno in cui inizia l’insegnamento dell’Anatomia artistica presso l’Accademia delle Belle Arti, prima ad Urbino poi a Bologna, fino al 1999.

Negli anni ’70 rivolge il proprio interesse verso il ritratto, dipinto a partire da una base fotografica: eseguirà numerosi ritratti di artisti, scrittori e intellettuali. Dagli anni ’80 comincia a dedicarsi esclusivamente alla fotografia. Le sue opere sono state esposte in diversi spazi pubblici e privati in Italia, Francia, Regno Unito, Germania, Stati Uniti e Canada. Alla fine della sua lunga carriera artistica, Gajani è ritornato nell’Appennino tosco-emiliano, a Zocca, dove è morto nel 2009.

La mostra ripercorre l’intera carriera di Gajani attraverso una selezione di opere che copre un arco temporale di oltre quarant’anni diviso in tre sezioni principali. La prima e la seconda sono dedicate rispettivamente all’incisione e alla pittura e vanno dagli anni Sessanta agli anni Settanta, con un percorso che pone sotto la lente d’ingrandimento il passaggio dell’artista dalla prima fase Informale a quella propriamente Pop, per concludersi con un ultimo periodo caratterizzato dalla sperimentazione di una sorta di pittura “neo-divisionista”.

La terza e ultima parte, invece, è interamente dedicata alla fotografia. L’artista procede con il testare e saggiare le diverse possibilità espressive del mezzo fotografico attraverso l’esplorazione di temi diversi, del ritratto e dell’autoritratto, del nudo e, infine, del paesaggio.

Il progetto espositivo è arricchito da un video incentrato sull’artista e sulla nascita della Fondazione a lui dedicata, realizzato dagli studenti del Liceo Arcangeli.

La mostra è visitabile gratuitamente dal giovedì alla domenica dalle 11 alle 19 presso il Centro Studi Didattica delle Arti, Via Cartoleria 9. Dall’8 ottobre al 6 novembre.

e-mail: info@fondazionecarlogajani.it
telefono: 340 2317745  –  338 1608869