Art City a Bologna dal 7 al 9 maggio: prime anticipazioni

22 Aprile 2021

Art City Bologna torna dal 7 al 9 maggio 2021. Il programma istituzionale di mostre e iniziative speciali promosso dal Comune di Bologna, giunto alla nona edizione, si presenta con una formula rinnovata, con la direzione artistica di Lorenzo Balbi e il coordinamento dell’Istituzione Bologna Musei.

L’emergenza pandemica ancora in corso e la decisione di BolognaFiere di puntare direttamente al 2022 per Arte Fiera hanno fatto slittare la data di qualche mese rispetto alla consueta collocazione in gennaio, proponendo la rassegna all’interno dell’ambito di Bologna Estate.

L’edizione 2021 sarà caratterizzata dalla ricerca di percorsi inaspettati e la possibilità di accedere a luoghi particolari, inusuali e normalmente fuori dai circuiti canonici della fruizione culturale, spazi pubblici e privati anche molto differenti, dal Teatro Storico di Villa Aldrovandi-Mazzacorati all’Ex GAM, dal Cimitero della Certosa alle Serre dei Giardini Margherita, fino al suggestivo Rifugio antiaereo di Villa Revedin – Seminario Arcivescovile, oltre a musei, gallerie e spazi espositivi non-profit.

Attenzione alla scena artistica italiana, intergenerazionalità, intermedialità sono i tratti distintivi dell’offerta 2021 divisa in quattro ambiti. Un progetto speciale a cura del direttore artistico Lorenzo Balbi;  un main program rappresentativo delle più varie pratiche  artistiche contemporanee in relazione con diversi spazi urbani; un programma istituzionale che mette in rete l’offerta del ricco sistema di soggetti culturali pubblici e privati della città; le proposte delle gallerie d’arte moderna e contemporanea (sia associate al circuito Confcommercio Ascom che indipendenti). Art City  spazierà tra video, installazioni, performance, disegni, opere radiofoniche e sonore, allestimenti site-specific.

Molte delle proposte espositive che animano le giornate dell’arte proseguiranno nelle settimane e nei mesi successivi, accompagnando il programma di Bologna Estate.

Il progetto speciale di Art City  2021 sarà un’installazione di Gregor Schneider (Rheydt, Germania, 1969) dal titolo Gregor Schneider visits N. Schmidt (in the former Galleria d´Arte Moderna di Bologna), sostenuta dal Main Partner Gruppo Hera. L’opera fa riferimento a una serie di lavori sul “signor Schmidt”, evocato per la prima volta nella stanza 54 di Haus ur, opera seminale dell’artista presentata alla Biennale di Venezia del 2001.

Rimane confermata nel 2021 la gratuità di accesso per il main program. Nel pieno rispetto delle prescrizioni in vigore al momento in cui si realizzeranno le iniziative previste dal programma, ogni partecipante potrà costruire la propria visita su misura alla città trasfigurata dall’arte contemporanea: un sistema centralizzato di prenotazione (telefonico e on line) consentirà di riservare l’accesso alle diverse sedi del main program in giornate e fasce orarie precise, con ingresso per slot numerici in base alla capienza degli spazi, in sicurezza. Alcune iniziative, in particolare le
performance, prevederanno una partecipazione molto mirata, anche per singolo spettatore.
Rimangono confermate anche per ART CITY le misure precauzionali previste e già adottate da quando è iniziata l’emergenza Covid-19.

Il programma completo di ART CITY Bologna 2021 sarà pubblicato in prossimità della rassegna sul sito artcity.bologna.it.

Art City si realizza con il supporto di Destinazione Turistica Bologna Metropolitana, Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Bologna e Bologna Welcome.